Dibattito: Invecchiamento e Deficit Visivo

Dibattito: Invecchiamento e Deficit Visivo

La Fondazione per la Macula Onlus vi invita a partecipare al dibattito sul tema invecchiamento e deficit visivo in data Lunedi 11 Maggio ore 18 presso il Teatro della Gioventù, Via Cesarea 16, Genova.

Il dibattito, promosso dalla Fondazione per la Macula onlus, ha il titolo “Invecchiamento e Deficit Visivo: come combattere la degenerazione maculare”.

Interverranno:

Carlo Enrico Traverso – Direttore Clinica Oculistica Università di Genova
Massimo Nicolò – Ricercatore Clinica Oculistica Università di Genova
Felice Cardillo Piccolino – Presidente Fondazione Macula onlus
Moderatore: Federico Mereta – Il Secolo XIX

 

Per ulteriori informazioni contattare …

Leggi »

Cellule Staminali: a che punto siamo

Cellule Staminali: a che punto siamo

La terapia con le cellule staminali è da tempo in corso di studio per diverse malattie della retina. A poter trarre vantaggi da questa terapia sono soprattutto le malattie con primitivo interessamento dell’epitelio pigmentato retinico (EPR), in particolare la degenerazione maculare legata all’età, la malattia di Stargardt e alcune forme di retinite pigmentosa.

 L’EPR, che separa la retina dalla coroide sottostante, è un monostrato cellulare con funzioni metaboliche importanti e essenziali per la vita dei fotorecettori retinici. Nella degenerazione maculare di tipo secco questo strato cellulare …

Leggi »

Il secondo occhio con degenerazione maculare

Il secondo occhio con degenerazione maculare

Quando un paziente ha una degenerazione maculare neovascolare in un occhio il rischio che anche nell’altro occhio si sviluppi una forma neovascolare è elevato e aumenta con il passare del tempo. In genere nel secondo occhio la sintomatologia viene percepita nella sua importanza più precocemente e si arriva quindi più precocemente al trattamento.

Degenerazione maculare con drusen diffuse e piccola emorragia (segno di neovascolarizzazione).

Uno studio di J. Zarranz-Ventura et al. su 12951 pazienti di 14 centri in Inghilterra ha fatto rilevare che la prima iniezione …

Leggi »

Grazie Signor Michele

Grazie Signor Michele

La Fondazione per la Macula Onlus è profondamente addolorata per la scomparsa di Michele Ferrero, grande uomo e benefattore. Grazie Signor Michele per il grande sostegno datoci fin dall’inizio.

Leggi »

Edema maculare da occlusione venosa retinica: cosa fare

Edema maculare da occlusione venosa retinica: cosa fare

In caso di occlusione di una vena retinica, della vena centrale o di una branca, l’oculista sa che il primo consiglio da dare al paziente è di concordare con il medico di base una valutazione sitemica, cardiovascolare e ematologica, per la possibile associazione con ipertensione, diabete e alterazioni della coagulazione. Contemporaneamente, la presenza di un edema maculare deve spingere ad un pronto trattamento.

Solo fino a qualche anno fa l’atteggiamento dell’oculista di fronte a questi casi era di “aspettare e vedere” se l’edema regredisse spontaneamente, intervenendo …

Leggi »

Genova, al San Martino un nuovo laser oculistico hi-tech

Sarà operativo nel polo oftalmologico del San Martino il laser di ultima generazione fornito gratuitamente dalla Fondazione Macula. L’annuncio è stato dato dal presidente della fondazione Felice Cardillo Piccolino, che ha preso parte al corso su ‘Malattie sistemiche e occhio” al nosocomio genovese e che coinvolge gli specialisti oculisti in sintonia con i medici di Medicina generale della Simg che patrocinano l’iniziativa.

”Si tratta di un laser molto sofisticato – ha spiegato Piccolino – che utilizza una lunghezza d’onda particolarmente adatta a curare molte malattie della …

Leggi »

L’Era dello Spectral-Domain OCT

Negli ultimi anni è molto progredita la tecnologia OCT (Optical Coherence Tomography) utilizzata ormai di routine per esaminare le condizioni anatomiche della retina in tante forme di maculopatia. Con gli attuali Spectral-Domain (SD) OCT si ottengono scansioni maculari ad alta risoluzione, estremamente dettagliate, che consentono di analizzare quasi istologicamente l’interfaccia vitreo-retinica, gli strati retinici dalle fibre nervose ai fotorecettori, l’epitelio pigmentato retinico e la coroide. L’esame inoltre è semplice e rapido e non comporta alcun disturbo per il paziente.

Un esame periodico con SD-OCT è il …

Leggi »

Evidenze e prospettive nel trattamento dell’occlusione venosa retinica

L’occusione venosa retnica riduce il deflusso del sangue dalla retina creando stasi nei capillari retinici con conseguente fuoriuscita di fluido e sangue. Edema e ischemia maculare sono le più comuni cause della perdita visiva da occlusione venosa retinica. Ulteriori complicanze sono la neovascolarizzazione retinica che può portare ad emorragia endovitreale e il glaucoma neovascolare.

L’approccio terapeutico può essere diverso se si tratta dell’occlusione di un ramo venoso o della vena centrale retinica, se la complicanza è l’edema maculare oppure l’ischemia/neovascolarizzazione.

Il Branch Vein Occlusion Study (BVOS) ha …

Leggi »

EYLEA! Un nuovo farmaco per la degenerazione maculare

La Food and Drug Administration americana ha approvato Eylea (aflibercept, VEGF Trap-Eye), un nuovo farmaco prodotto da Regeneron per il trattamento della degenerazione maculare umida (neovascolare). Questa malattia è la principale causa di perdita visiva e cecità legale dopo i 60 anni. Riduce progressivamente la visione nitida centrale distruggendo i fotorecettori della macula, la porzione centrale della retina. Eylea inibisce il fattore di crescita dei neovasi (VEGF) responsabili dell’essudazione e del sanguinamento che sono alla base del danno maculare.

Eylea è il terzo farmaco anti-VEGF, dopo …

Leggi »

Un test genetico per la degenerazione maculare legata all’età

La degenerazione maculare legata all’età (DMLE) è una malattia multifattoriale nella quale gioca un ruolo decisivo l’interazione tra predisposizione genetica e fattori ambientali. Lo studio dei fattori genetici che sono alla base della insorgenza della DMLE ha avuto un grande impulso negli ultimi anni. In particolare l’analisi dei polimorfismi genici ha portato alla individuazione di rischi genetici in alcuni individui. A causa della variabilità clinica della malattia e della complessa costellazioe genica coinvolta, alcuni aspetti non sono ancora completamente chiari. Si sono tuttavia ottenute alcune …

Leggi »